Adios, milonga, la chitarra mi ha dato sempre libertà. Mi ha presentato bella gente.
Se io so fare qualcosa con la chitarra, lei sa cosa fare con me, è molto più abile di me.
Io ascolto suoi consigli, come quando mi ha chiesto di prendere l’aereo e atraversare il mare.
Ricordo che li ho risposto con un sacco di dubbi: ma non conosco nessuno, non ho niente soldi, e lei: ci penso io. Fidati. Ho fatto caso.
Questi sono “mis trapitos al sol”, adesso lei mi chiede rinnovare l’aria. L’entusiasmo è momentaneo, la vocazione è permanente. In nome del tango argentino abbiamo visto cose veramente incredibili, un mondo dove la arroganza non è argentina (al meno sarebbe simpatica). Dove la conoscenza del genero importa poco ,” donde todo es igual, nada es mejor” come diceva Discepolo.
Storie umane di solitudine e tradimenti non solo nei testi del tango… quetsi saranno miei “besos a la luna” perchè comunque sia ringrazio mi chitara con chi ho imparato a fare di una pena musica.
Ringrazio il pubblico, e invito tutti a partecipare di una intima serata dove cercherò di mettere mis “trapitos al sol, y besos a la luna”

mercoledì 5 maggio 2010 alle ore 21.30
CAFETIN DE ROMA via Bordoni 50 Roma
Media4tech di Claudio Palazzi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.