cara penna a inchiostro blu
quel che io ora dico, scrivilo tu.
scrivi sul muro tutto arancione
che un giorno un topo incontrò un leone,
non scrivere, no, troppo presto il finale,
non andò mica poi così male!
il topo pensò: ecco, è finita,
ahi, questo incontro mi costa la vita!
Ma per fortuna così non è andata,
al leone piaceva la marmellata
e a quel topolino spaventato
non ci aveva nemmeno pensato.
Passarono il giorno a chiacchierare
di come la terra si incontra col mare,
vedete il leone imponente e grosso
asciugarsi una lacrima piuttosto commosso
perchè il topolino gli ha raccontato
di quando era stato intrappolato
ma poi scappato lontano lontano
grazie ad un gatto vegetariano.

cara penna a inchiostro blu,
quel che io ora dico, scrivilo tu.
scrivi sul muro verde e giallo
di quando un violino incontrò un gallo
e sorso subito gelosia
per la migliore melodia.
il gallo impettito: chicchirichì
davanti al violino insisteva così.
e pure il violino: io non ci sto!
prese il suo arco e così se ne andò.
tornò nel suo caldo ripostiglio
ma la notte, si sa che porta consiglio.
tornò in campagna dal gallo perplesso
per esporgli il suo compromesso.
se dalle cinque tu inizi a cantare
io ti accompagno col mio suonare,
così che anche il contadino,
abbia migliore il risveglio al mattino.
potremmo suonare fino alle otto,
il tempo del latte e di qualche biscotto.
il gallo, convinto, talmente approvava,
che eran le tre, ma lui già cantava.

cara penna a inchiostro blu,
quel che io ora dico, scrivilo tu.
scrivi a tutti questi bambini
che è bene che sappian, seppur piccolini,
che è una cosa meravigliosa
mettere il bene sopra a ogni cosa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.