tiElisabetta compie 92 anni

Il 21 Aprile di quest’anno la regina Elisabetta II d’Inghilterra, ufficialmente nota come Elizabeth Alexandra Mary, ha spendo 92 candeline, divenendo la regina più longeva della storia del Regno Unito. Ripercorriamo la storia della regina che ha accompagnato il Regno Unito nel difficile percorso post-bellico e nelle sfide che il nuovo millennio ha portato con sé.

Primi anni di vita

Elizabeth nacque il 21 Aprile del 1926 ed era la figlia maggiore del principe Alberto, duca di York, e sua moglie, Lady Elizabeth Bowes-Lyon. Essendo la primogenita del figlio più giovane del re Giorgio V, la giovane Elisabetta aveva poche possibilità di accedere al trono, finché suo zio, Edoardo VIII (in seguito duca di Windsor), abdicò a favore di Alberto l’11 dicembre 1936. La causa scatenante l’abdicazione fu l’innamoramento e poi il seguente matrimonio di Edoardo con l’americana Winnie Simpson, “colpevole” di aver divorziato dal suo precedente marito. Essendo il re d’Inghilterra allo stesso tempo capo della Chiesa Anglicana, non gli è consentito sposare una donna divorziata se l’ex-marito di essa è ancora in vita. Edoardo avrebbe dovuto scegliere tra il trono d’Inghilterra e la Simpson; scelse la Simpson e abdicò in favore del fratello Alberto, che prese il nome di Giorgio VI, il re che ebbe l’ingrato compito di gestire il regno durante la seconda guerra mondiale.
Con l’incoronazione del padre, Elisabetta divenne l’erede al trono d’Inghilterra. Durante la guerra, Elisabetta e la sorella Margaret vissero in Scozia, lontano dal pericolo dei bombardamenti londinesi, dove vennero istruite a vari insegnamenti, anche inerenti scopi militari. Dopo la guerra , la famiglia reale intraprese un viaggio in Sudafrica, che portò con il suo ritorno alla notizia delle prossime nozze con Filippo Mountbatten, principe di Grecia e Danimarca. Filippo, che poi diventerà Duca di Edimburgo poco prima delle nozze, era il cugino di terzo grado di Elisabetta: infatti, entrambi sono trisnipoti della regina Vittoria. La scelta di Filippo come marito di Elisabetta fu ampiamente accettata dal reame, essendo il giovane principe stato educato ai doveri reali. Il matrimonio ebbe luogo nell’Abbazia di Westminster il 20 novembre 1947. Il loro primo figlio, il principe Carlo (Charles Philip Arthur George), è nato il 14 novembre 1948 a Buckingham Palace.

Elisabetta diventa regina

Nell’estate del 1951, la salute del re Giorgio VI ebbe un grave declino e la principessa Elisabetta dovette rappresentarlo in varie occasioni ufficiali. Il 7 ottobre lei e suo marito partirono per un tour in Canada e Stati Uniti, che ebbe un grandioso successo e fece conoscere la futura coppia reale al mondo intero.
Elisabetta e Filippo ripartirono nel gennaio del 1952 per un tour tra i paesi del Commowealth che doveva terminare con l’approdo in Australia e Nuova Zelanda, ma lungo il tragitto, in Kenya, giunse la notizia della morte del re, il 6 febbraio 1952. Elisabetta divenne quindi regina ad interim, ovvero fino alla proclamazione ufficiale. I primi tre mesi del suo regno furono passati in isolamento, lontano da Buckingham Palace. Ma in estate, dopo essersi trasferita da Clarence House alla sede ufficiale, intraprese i doveri di routine del sovrano e convocò per la prima volta il Parlamento il 4 novembre 1952. La sua incoronazione fu tenuta all’Abbazia di Westminster il 2 giugno, 1953. Poco dopo, il re e la regina ripresero il “big tour” della durata di 6 mesi, tra gli Stati del Commonwealth, che doveva terminare con la prima visita ufficiale di un monarca inglese in Australia e Nuova Zelanda. Elisabetta fu anche la prima monarca regnante a visitare il Sud America (nel 1968) e i paesi del Golfo Persico (nel 1979). La regina è diventata il sovrano che ha viaggiato di più al mondo.

La monarchia moderna

La regina sembrava sempre più consapevole del ruolo moderno della monarchia, permettendo, ad esempio, la trasmissione televisiva della vita domestica della famiglia reale nel 1970 e condonare la dissoluzione formale del matrimonio di sua sorella nel 1978.
Negli anni ’90, tuttavia, la famiglia reale affrontò una serie di sfide.
Nel 1992 il principe Carlo e sua moglie, Diana, principessa del Galles, si separarono, così come il principe Andrea e sua moglie Sarah, duchessa di York. Inoltre, mentre il paese lottava con una recessione, cresceva il risentimento per lo stile di vita dei reali, e nel 1992 Elizabeth, sebbene personalmente esentata, accettò di pagare le tasse sulle sue entrate private. La separazione e il successivo divorzio (1996) di Carlo e Diana hanno ulteriormente eroso il sostegno per la famiglia reale, considerata da alcuni antiquata e insensibile. Le critiche si intensificarono in seguito alla morte di Diana nel 1997, specialmente dopo che Elizabeth inizialmente rifiutò di porre la bandiera a mezz’asta, in segno di lutto. In linea con i suoi precedenti tentativi di modernizzazione della monarchia, la regina in seguito cercò di presentare un’immagine meno monotona e meno tradizionale della monarchia.
Nel 2002 Elizabeth festeggiò il suo 50 ° anno in trono. Come parte del suo “Golden Jubilee”, gli eventi si sono svolti in tutto il Commonwealth, tra cui diversi giorni di festeggiamenti a Londra. Le celebrazioni sono state in parte ridotte dalla morte della madre e della sorella di Elizabeth all’inizio dell’anno. Nell’aprile del 2011, Elizabeth guidò la famiglia a celebrare il matrimonio del principe William di Galles – il figlio maggiore di Charles e Diana – e Catherine Middleton. Il mese successivo superò George III per diventare il secondo monarca più lungo nella storia britannica, dietro Victoria. Sempre a maggio, Elizabeth fece un viaggio storico in Irlanda, diventando sia la prima monarca britannica a visitare la repubblica irlandese e la prima a mettere piede in Irlanda dal 1911. Nel 2012 Elizabeth celebrò il suo “Diamond Jubilee”, segnando 60 anni sul trono . Il 9 settembre 2015 ha superato il regno record di Victoria di 63 anni e 216 giorni. Elizabeth è nota per favorire la semplicità nella vita di corte ed è anche nota per avere un interesse serio e informato negli affari del governo, a parte i doveri tradizionali e cerimoniali.

Le idee della regina

La regina Elisabetta è di vedute conservatrici in ambito religioso, e prende molto seriamente il suo incarico di guida spirituale del Paes. Essa deve essere l’esempio della “way of life” inglese. Le sue idee politiche invece sono molto meno manifeste, anche se tra i vari Primi Ministri inglesi che si sono avvicendati spiccano, tra i preferiti della regina, Winston Churchill e Tony Blaire.
Si crede che la Corona Britannica sia il “più grande tesoro d’Inghilterra”. Tra possedimenti, gioielli, opere d’arte e cimeli storici, il valore della corona si aggirerebbe intorno ai 25 miliardi di sterlina, con un tasso che nei prossimi 5 anni potrebbe ancora salire.

Armando D'Amaro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.