CINA 25/09/09 – Bao Tong, ex leader politico, collaboratore dell’ex capo del Pc Zhao Ziyang, tramite Radio Free Asia (www.rfa.org) interviene sulle celebrazioni per il 60° anniversario della Repubblica Popolare Cinese.  Boa Tong, rinchiuso 7 anni in carcere e ora agli arresti domiciliari, in quanto vivo sostenitore della democrazia e forte oppositore al massacro di piazza Tiananmen, critica la Repubblica Popolare Cinese. E lo fa in modo duro e diretto, attaccando i leader e chiedendo la restituzione del potere al popolo e la creazione di una repubblica. Secondo Bao Tong in Cina non esiste una repubblica in quanto nel Paese si assiste a una continua violazione dei diritti dei cittadini da parte delle autorità del Partito, violazioni che vanno avanti da 60 anni, ovvero dalla proclamazione dello stato comunista.

L’attacco di Bao Tong è molto duro soprattutto verso il programma delle pompose feste previste per l’anniversario del 1° ottobre, sostenendo che i leader cinesi si preparano a celebrare la loro magnificenza glissando sulla sempre più diffusa corruzione e il sempre maggiore divario tra povero e ricco. Altri punti mossi da Bao Tong sono l’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali e l’inquinamento ambientale, causati per il raggiungimento del tanto celebrato progresso nazionale. Sempre secondo Bao, una repubblica non deve ammettere la violazione delle libertà individuali e religiose, la libertà di parola, di protesta e di dimostrazione, perseguite in Cina con il pretesto della stabilità sociale.

Media4tech di Claudio Palazzi

Pechino, di risposta, oscura portali web, forum, blog e accessi a spazi di informazione online, e diffida dal fare dimostrazioni per non arrecare danni all’immagine di fiorente potenza da mostrare al mondo durante le celebrazioni dell’anniversario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.