La corte di giustizia della Federcalcio ha accolto il ricorso del Napoli, togliendo i due punti di penalizzazione inflitti dalla Disciplinare per il processo calcioscommesse relativo a Samp-Napoli. Facendo volare la squadra di Mazzarri al secondo posto della classifica 43 punti contro i 46 della capolista bianconera. Trionfo della strategia del club azzurro che fin da subito aveva puntato sull’  iniquità del provvedimento.

Assolti anche i giocatori Paolo Cannavaro e Gianluca Grava dall’accusa di omessa denuncia. In primo grado i due erano stati squalificati per sei mesi. Identica invece la pena del terzo portiere Matteo Gianello, confermando quindi  le 21 mensilità di eliminazione.  La squadra è comunque tenuta a pagare un’ ammenda di 50 mila euro 20 mila in meno rispetto alla prima istanza.

Diversa la sorte di Conte che ha appena finito di scontare i quattro mesi di squalifica e commenta così la restituzione dei due punti di penalizzazione: ” Restituire i due punti al Napoli e’ stato giusto, cosi’ come e’ stato giusto annullare la squalifica di Cannavaro e Grava”, con sarcasmo aggiunge , ” e forse sarebbe stato giusto anche non squalificarmi”.

Ma il teatrino di calcioscommesse continua con nuovi protagonisti,  nuove deposizioni, nuove difese; forse per la serie A sarebbe meglio un Toga – mercato per aggiudicarsi il difensore migliore.

Elisabetta Chiacchiararelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.