in te l’infinto della natura
selvaggio, sereno, gentile.
Sfiorai con mani il peso della tenerezza
galoppai dune di sabbia irreale e
cavalcai onde di oceano buio.
All’alba le anime incontrarono lo sguardo vitale del tuo dolce respiro,
intorno a me il deserto delle passioni.
Serenità circumnavigò tutte le terre in cui ti posasti.
Tranquillità inondò con profonde tempeste le viscere mie.
Passione nuotò le mie piccole isole dritte.
Pirata quale sei,
rapisci i fili d’oro del mio veliero!
portami con te nell’infinito oceano!
approda con me nelle isole della spensieratezza!
affonda l’ancora dell’amore e
fa che le onde cullino quest’attimo cosi eterno

Alice Ciangottini

Media4tech di Claudio Palazzi

http://aliceciango.over-blog.it/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.