Fire TV Stick 4K Ultra HD con telecomando vocale Alexa di ultima generazione | Lettore multimediale

Da quando è iniziata la pandemia COVID-19, alcune cose sono diventate una necessità: coperture per il viso, disinfettante per le mani, allontanamento sociale. Per gli studenti di musica di tutto il mondo, nessuna di queste cose è necessaria quando si uniscono per suonare virtualmente con altri compagni di classe. E spesso le piattaforme online sono le sale da concerto preferite. Musica e COVID-19: Suonare nonostante la distanza per trovare armonia e benessere durante la pandemiT Direttore responsabile: Claudio Palazzi
TURCHIA

“Quando si fa musica insieme in orchestre e cori, ci si incontra personalmente”, dice Ceyda Cekmeci, direttrice del coro per la Fondation Music for Peace di Istanbul, che fornisce istruzione musicale gratuita ai bambini meno fortunati. “Abbiamo ancora la possibilità di sperimentare attraverso la tecnologia tutti i vantaggi individuali e sociali della musica, anche quando dobbiamo rimanere nelle nostre case”.

Più di 7.000 bambini in tutta la Turchia sono entrati in contatto con Music for Peace, che spesso porta a borse di studio e iscrizioni presso il Conservatorio di Musica della Turchia.
Prima dell’epidemia di COVID-19, gli studenti si erano esercitati 24 ore su 24 per esibirsi alla cerimonia di apertura del vertice sulla tecnologia del Paese, in genere uno spettacolo di alto profilo con uno spettacolo multimediale. Dopo che la pandemia è stata dichiarata, hanno proposto di creare un coro virtuale.

“Quando fai musica insieme in orchestre e cori, vieni a lezione insieme. Ma quando tutto si è fermato, abbiamo imparato che non saremmo stati in grado di seguire le nostre lezioni regolari e i concerti furono cancellati”, ricorda Cekmeci di Music for Peace. “Abbiamo trovato alcune soluzioni per continuare a fare musica insieme e abbiamo iniziato a spostare le nostre lezioni di musica online. Abbiamo anche contattato diverse piattaforme di riunioni online appena prima dello scoppio della pandemia: la nostra corrispondenza iniziale era di essere coinvolti nel Technology Summit tenendo un concerto di apertura, ma poi abbiamo trasformato l’idea in un concerto virtuale. Infine, abbiamo utilizzato la piattaforma per registrare la parte introduttiva del freestyle di questo particolare pezzo.”

Il video risultante mostrava studenti di età compresa tra 9 e 25 anni che eseguivano una famosa canzone popolare turca, ed è diventato virale quando è stato pubblicato ad aprile in occasione del centesimo anniversario della sovranità nazionale e della Giornata dei bambini (una festa che ha il Paese che celebra i suoi “figli”). Ha ricevuto anche la copertura di una serie di emittenti televisive turche a livello nazionale.

REGNO UNITO

Nel sud di Londra, Gareth Gay ha insegnato musica per vent’anni – prima in una scuola superiore, ora come Preside del Sutton Music Service, che ha fornito lezioni virtuali a 250 studenti a settimana di età compresa tra 8 e 18 anni, offrendo tariffe scontate per coloro che ricevono provvigioni scolastiche gratuite o sono stati dati in affido.
“Il nostro obiettivo è aiutare ogni giovane di Londra a creare, essere ispirato e celebrare la musica che ama”, dice. “Se a febbraio avessi detto che tra poche settimane tutto sarebbe stato online, non ti avrei creduto. È successo tutto così velocemente.”

Arrivando alla fine del loro mandato primaverile, The Sutton Music è stata costretta a cancellare più concerti, incluso il loro spettacolo annuale al più grande centro artistico di South London, Fairfield Halls – un evento atteso con impazienza dai loro studenti.
“Sapevamo di dover passare online, il più rapidamente possibile; abbiamo scelto questa piattaforma perché lo conoscevo e l’avevo già usato “, ricorda. “Mi è piaciuto il modo in cui abbiamo potuto creare account per i genitori per gestire le cose in modo davvero sicuro, sapevo che la salvaguardia sarebbe stata uno dei nostri maggiori problemi e il software ha controllato tutte quelle caselle.”

Sin dall’inizio della pandemia, lo staff senior di Sutton Music ha utilizzato la piattaforma per organizzare riunioni e condividere idee, mentre gli studenti imparavano su chiamate di gruppo, utilizzando la finestra di chat per tenersi in contatto tra loro e utilizzando la funzione “alza la mano” per fare domande ai loro insegnanti.
Gay e il suo team ricevono inviti a tutte le lezioni e tutte le lezioni vengono registrate, il che consente loro di eseguire il controllo qualità in modo più efficace che mai. C’è anche una libreria online per gli studenti per rivedere le proprie lezioni o confrontare gli spartiti o appunti presi con lezioni degli altri.

INDIA

Quando il lockdown è iniziato lo scorso marzo,è stato richiesto a Joseph di cercare un’alternativa alle lezioni in presenza. Recentemente era apparso in un podcast incentrato su Rahman chiamato “I Love ARR”, ospite di un amico australiano di nome Chander Ramanathan, che utilizza piattaforme online per la produzione.

“La situazione COVID-19 ha colpito tutti”, ricorda Ramanathan. “Ho ricevuto una telefonata da Alphons che diceva ‘Pensa ad alcune opzioni e mettiamoci insieme per realizzarle’. Ho detto che non c’è niente altro a cui pensare se non fare le riunioni online.”

Il giorno successivo, i due si sono incontrati per un tutorial e in pochissimo tempo Joseph era abbastanza fiducioso da determinare che era la via giusta da seguire. Hanno formato un gruppo di quasi 40 persone, creando varie lezioni per voce, pianoforte e altri strumenti, avviando il tutto in un solo fine settimana.
“Recentemente ho provato a riprodurre una lezione online, e più di 1.000 persone hanno partecipato. Stavo dando una sessione propedeutica di teoria musicale. Anche per i miei studenti l’ho fatto proponendo una lezione in cui faccio musica indiana e musica occidentale. Lo faccio gratuitamente, così gli studenti di Crossroads avranno un vantaggio in quella determinata disciplina musicale. Secondo me questa piattaforma offre un grande potere nelle mani di un musicista del XXI secolo”.

In tutto il mondo, gli insegnanti di musica stanno avendo un impatto come mai prima d’ora. Gli studenti di musica stanno imparando a collaborare e ad affinare le proprie capacità in modi che non avrebbero mai immaginato. E la musica sta riunendo le persone, in un momento in cui è decisamente necessario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.