“Sostieni le mie mani”, questo il progetto che avrà Eugenio Finardi come testimonial. Obiettivo: raccogliere fondi per la Scuola d’Arte per Sordi e Sordo-Ciechi “Leonardo Da Vinci”. Attivato anche un sms solidale dalla Vodafone.

Musica per Sordi. Non è un paradosso e neanche un’idea bizzarra, ma un’ambizione forte, un’iniziativa unica nel suo genere che darà vita a un evento mai realizzato finora in Italia. Il Primo Concerto Musicale e Artistico per  Sordi e Udenti è stato presentato ieri, nella prestigiosa cornice del River Chateau Hotel, alla presenza di Eugenio Finardi, dell’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Roma, Sveva Belviso, delegata dal sindaco Gianni Alemanno, del presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, e del Commissario Straordinario dell’Istituto Statale per Sordi, professor Ivano Spano.

Media4tech di Claudio Palazzi

Il progetto “Sostieni le mie mani” si svolgerà nel meraviglioso scenario della Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica il giorno 6 Dicembre 2009 ore 21.00. Testimonial dell’evento sarà il maestro Eugenio Finardi. Obiettivo dell’iniziativa: raccogliere fondi per l’“Associazione Leonardo Da Vinci Arte”, Prima Scuola d’Arte per Sordi e Sordo-Ciechi che attraversa un momento di vera difficoltà economica che compromette il funzionamento e la sopravvivenza della stessa.

L’iniziativa, organizzata con il supporto del XX Municipio di Roma e con la solidarietà di tutti i giornalisti del Tg Uno Rai Mattina, prevede la partecipazione di vari artisti Sordi e udenti. La regia è di Marco Ierva e la co-regia è di Antonio Pellegrino, artista Sordo.

E’ un’iniziativa unica nel suo genere che gode del patrocinio delle Istituzioni più significative e in particolare di quella dell’Ente Nazionale Sordi, sede centrale. Per la prima volta i Sordi potranno toccare la musica con le mani mediante l’uso di palloncini che trasmetteranno le note tramite vibrazioni e con l’interpretazione artistica della LIS. Gli artisti sordi si esibiranno nella Lingua dei Segni Italiana e saranno tradotti in italiano per gli udenti. Per la prima volta, poi, sarà sperimentato il sistema “Human beatbox”, ovvero la capacità di imitare tutti i suoni di una batteria (percussioni, piatti, ecc.) e di altri strumenti con l’uso della voce.

Con l’evento, a partire dal 19 Novembre 2009 all’8 Dicembre 2009 sarà attivato un servizio Vodafone di sms solidale – numero 48599 – del costo di 1 €, solo per clienti Vodafone.

La manifestazione vuole essere anche una campagna di sensibilizzazione sul tema sordità in termini di valorizzazione dell’uso della Lingua dei Segni: proprio la Lis, in questi giorni, è al centro di un dibattito. Si lavora, infatti, perché questa diventi una lingua riconosciuta a tutti gli effetti, come lo è in Francia, in Sudafrica, in America. Attualmente il ddl, che dal lontano 1988 sarebbe dovuto essere approvato dalle camere del nostro Governo, fatica a traghettare.

L’evento del 6 dicembre sarà condotto dalla giornalista del Tg Uno, Laura Chimenti, mentre per i Sordi vi sarà Laura Santarelli del Tg Uno Mattina.

“La musica è un sentimento. Troppo spesso, però, viene udita ma non ascoltata – ha detto in conferenza stampa il cantautore Finardi -. Questo perché per le persone ‘normali’ (il virgolettato è stato volutamente sottolineato, ndr) di solito la utilizzano per ‘ottenebrare’. Per i Sordi, invece, la musica, intesa come vibrazioni, è sentimento puro”. Il maestro si è commosso quando ha parlato del suo coinvolgimento diretto in questa iniziativa: “Sono figlio di una meravigliosa donna cieca e perché ho una figlia down. Da sempre sono vicino a coloro che devono vivere trovando altri sistemi, e in questo mondo c’è una fantasia e un’energia particolari”. Per Finardi, non bisogna parlare di diversità: “I Sordi sono diversamente sensibili. Sarà un pubblico attento, quello dell’Auditorium, perché conosce profondamente il valore del silenzio e la musica parte sempre dal silenzio. Sotto al palco ci saranno persone con una forza e una capacità di assaporare il piacere che in quelle normali è più spenta, soprattutto oggi”.

Netto, asciutto, senza fronzoli. Questo il messaggio lanciato da Laura Santarelli, interprete Lis Rai del TgUno mattina e responsabile del progetto: “Siamo alle strette: o chiudiamo o andiamo avanti. Chiediamo l’aiuto delle istituzioni: se i politici sono lì, è perché devono occuparsi anche dei più deboli”.

Accorato l’appello del presidente dell’Associazione, il prof. Cav. Ludovico Graziani: “Noi Sordi non veniamo riconosciuti per strada, ma abbiamo grandi difficoltà di inserimento. Sono quattro anni che porto avanti questa scuola, ma ci manca il sostegno. Ho iniziato un percorso con una barca a otto remi, ora mi ritrovo con un remo solo. Chiedo il vostro aiuto. Sono stanco. In futuro vorrei vedere un’esplosione per la mia scuola, vedere i miei ragazzi prendere il mio posto. Questo è il mio augurio”.

Pone l’accento sul paradosso, invece, il regista Marco Ierva: “Tutto ciò dovrebbe essere assolutamente normale. I sordi vogliono entrare a teatro e, dati alla mano, sono quasi un milione in Italia. Quanto un capoluogo di regione. Ora siamo pronti. Ma non bisogna solo chiacchierare: si deve agire”.

Evita il politically correct l’assessore Belviso: “C’è tanta ipocrisia. Le barriere ci sono eccome. Queste iniziative sono fondamentali, perché aiutano le amministrazioni ad abbatterle. Vogliamo trasformare le diversità in normalità. E poi, personalmente, sono affascinata dalla Lis”.

Dunque, musica maestro. E che stavolta sia davvero universale.

———————————————————————————————–

Laura Santarelli – TgUno Mattina Lis

Responsabile progetto

“Sostieni le mie mani” – Primo concerto musicale e artistico per Sordi

cell: 328-95.39.820

dott. Michele Pilla

Ufficio Stampa progetto

“Sostieni le mie mani” – Primo concerto musicale e artistico per Sordi

cell: 333-38.00.130

web: www.leonardodavinciarte.com – mail: ufficiostampa@leonardodavinciarte.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.