Sono anni che il Venezuela vive una grave crisi politica, tanto da minacciare l’equilibrio delle democrazie limitrofe. A capo del Governo c’è Nicolas Maduro, Presidente del Partito Socialista Unito del Venezuela. In questi ultimi sette anni ha instaurato un vero e proprio regime di terrore. Venezuela, il Governo di Maduro è nell’occhio del ciclone: analisi di un Paese in crisi Direttore responsabile: Claudio Palazzi
Il politico dell’opposizione venezuelana Leopoldo Lopez è arrivato a Madrid, ha detto domenica il ministero degli Esteri spagnolo, dopo aver trascorso l’anno scorso nella residenza dell’ambasciatore spagnolo in Venezuela per sfuggire agli arresti domiciliari.

“Leopoldo Lopez è arrivato a Madrid oggi, potendo ricongiungersi con la sua famiglia”, ha detto il ministero in un comunicato. La decisione di Lopez di lasciare l’ambasciata spagnola in Venezuela è stata “personale e volontaria”, ha detto. Il partito di Lopez, Popular Will, non ha detto come ha lasciato il Venezuela.

Media4tech di Claudio Palazzi

Gli assistenti hanno insistito che la partenza non è stata il risultato di negoziati con il governo del presidente venezuelano Nicolas Maduro, come hanno ipotizzato molti sostenitori e persino oppositori del governo socialista, secondo l’agenzia di stampa Associated Press.

Il governo venezuelano ha accusato l’inviato di Madrid a Caracas di essere complice della “fuga” di Lopez. “Il capo della missione diplomatica spagnola in Venezuela è stato il principale organizzatore e complice confessato della fuga dal territorio venezuelano del criminale Leopoldo Lopez”, ha detto in un comunicato il governo di Maduro.

Lopez, in una serie di tweet nelle prime ore di domenica, ha accennato di aver lasciato il Venezuela ma non ha rivelato la sua posizione. “Venezuelani, questa decisione non è stata facile, ma state certi che potete contare su questo servitore per combattere da qualsiasi luogo”, ha twittato Lopez.

“Non ci riposeremo e continueremo a lavorare giorno e notte per ottenere la libertà che tutti i venezuelani meritano”. Lopez è stato incarcerato nel 2014 dopo aver guidato le proteste contro Maduro. È stato rilasciato agli arresti domiciliari nel 2017.

Dagli arresti domiciliari, è stato mentore del leader dell’opposizione Juan Guaido, che all’inizio dello scorso anno ha invocato la costituzione per assumere una presidenza ad interim e ha iniziato una campagna per spodestare Maduro.

Nell’aprile 2019, quando Guaido ha cercato di stimolare una rivolta militare contro Maduro, Lopez è apparso di nuovo per le strade al suo fianco. Quando la rivolta svanì, Lopez cercò rifugio prima nella residenza diplomatica cilena e poi a casa dell’ambasciatore spagnolo.

La moglie di Lopez, Lilian Tintori, che lo aveva raggiunto presso la residenza dell’ambasciatore spagnolo, è partita per la Spagna nel maggio 2019 insieme alla figlia. Nel frattempo, all’interno del Paese, il presidente Nicolas Maduro ha affermato che gli scienziati venezuelani hanno isolato una molecola che inibisce il virus Covid-19 e chiederanno all’Organizzazione mondiale della sanità di valutare il suo possibile utilizzo su scala globale. Il principio attivo è un derivato dell’acido ursolico da una pianta e non tossico per l’uomo, ha detto Maduro in un’apparizione alla televisione di stato domenica. Sei mesi di ricerca presso l’istituto scientifico IVIC sostenuto dal governo hanno portato alla scoperta, ha detto.

“La molecola sarà prodotta in serie e consegnata in tutto il mondo per la cura del Covid-19”, secondo Maduro. L’acido ursolico è venduto negli Stati Uniti come integratore alimentare con rinomate proprietà antinfiammatorie.

Ora l’OMS dovrà analizzare e studiare dati e generiche della suddetta molecola per garantirne l’utilizzo e la produzione sottoforma di medicinale. Tuttavia, il governo di Maduro deve affrontare un’altra importante crisi, cioè il rimpatrio di cittadini provenienti da territori vicini al Venezuela. Si tratta di 130mila persone che, secondo fonti di Human Rights Watch, verrebbero fatte tornare nella madrepatria in modo abusivo e senza le giuste misure di sicurezza.

Questo scarso controllo da parte delle autorità potrebbe essere causa di un aumento incredibile di contagi in tutto il territorio venezuelano. Da giugno a settembre, Human Rights Watch ha intervistato 76 persone, tra cui 23 rimpatriati, 10 donne e 13 uomini, da Colombia, Brasile, Perù, Ecuador e Stati Uniti, oltre a giornalisti, operatori umanitari, rappresentanti di organizzazioni non governative e residenti delle aree in cui arrivano i rimpatriati. Human Rights Watch ha analizzato le informazioni fornite da gruppi internazionali e venezuelani, dichiarazioni video di funzionari governativi e protocolli emessi dal ministero della Salute venezuelano. La crisi politica, sociale e, a questo punto anche umanitaria e sanitaria, in Venezuela non sembra giungere a una fine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.