“Flaminio ovvero l’ospite inquieto (Ombre d’Annibale)”

Siamo nel secolo scorso, il filosofo Teodorico Moretti Costanzi apre
idealmente le porte del suo Palazzo al pubblico. Suggestioni, storie e drammi
attendono il visitatore in un viaggio che, attraverso singolari avvenimenti che risalgono alle epoche più disparate, che qui sembrano ancora essere in corso, lo condurrà a ritroso sino al 21 giugno del 217 a.C., il giorno in cui si svolse la Battaglia del Trasimeno.

Sei sono le scene presentate, quanti sono gli avvenimenti accaduti in epoche diverse presso questo luogo. Tutti gli eventi sono legati da un unico filo: i pensieri, gli studi, le suggestioni del Filosofo proprietario del Palazzo legate a quell’evento di portata storica che fu la Battaglia del Trasimeno. È questo un viaggio dentro la mente del professore che ci apre a vicende personali e famigliari, che ci fa conoscere episodi suggestivi, storie di sangue e le figure di Flaminio e Annibale che dialogano sulla battaglia.

La vicenda parte dalle ricerche del professore sulla storia della sua famiglia proprietaria del Palazzo del Capra. È proprio il Palazzo che diventa teatro, un teatro particolare in cui il professore ricostruisce i passaggi di una vicenda che ci permette di scoprire alcuni degli elementi chiave degli studi sulla battaglia annibalica. In ogni ala del Palazzo il pubblico è chiamato ad assistere a vicende e ricostruzioni di avvenimenti storici accaduti al suo interno o nelle sue vicinanze. Attori di questo singolare spettacolo sono lo stesso Professore, e gli spettri di ospiti illustri: alcuni, forse meno conosciuti, sono avi del padrone di casa; altri sono personaggi storici noti a tutti, del calibro del generale cartaginese Annibale Barca e del console romano Caio Flaminio. Lo spettacolo è costruito per stadi successivi, come del resto sembra essere strutturata la stessa architettura del Palazzo. Ogni livello appartiene a un differente periodo: si va dalla sala in cui nel secolo scorso viveva il Professore, al diciassettesimo secolo quando la sua antenata Veronica abitò e morì in modo cruento nel Palazzo, all’anno 217 a.C., anno in cui fu combattuta la Battaglia del Trasimeno tra le truppe di Annibale e quelle di Flamino. I comandanti dei due eserciti sono i protagonisti principali dell’epilogo. In particolare Flaminio, insieme alla consorte, con il contributo determinante della testimonianza del generale cartaginese, uscirà finalmente dal suo lungo riserbo e chiarirà la sua posizione.

Lo spettacolo, di Tommaso Urselli, diretto da Roberto Biselli del Teatro di Sacco, con l’ausilio di attori professionisti e di un gruppo di attori di Tuoro, sarà in scena per la III° Edizione, in versione indoor, al Teatro dell’Accademia a Tuoro (PG) il 15, 16 e 17 ottobre 2010 alle ore 21

INFO Associazione Turistica Pro Loco di Tuoro sul Trasimeno (PG):
tel. – fax: 075/825220 www.prolocotuorosultrasimeno.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.