Il JAZZUP Festival entra nel vivo: dopo le grandi aperture con Gino Paoli e Antonella Ruggiero a fine agosto si entra, come tradizione, nel nucleo portante del festival con personaggi come Greg Burk (27 agosto), Richard Galliano (28 Agosto) ed una serata speciale (29 agosto) in collaborazione con Est Film Festival dedicata a musica e cinema con Pupi Avati (29 Agosto).

Mercoledì 25 agosto, ore 18,30, in collaborazione con l’Orange Sporting Club di Viterbo apertura della IV Edizione del Viterbo JazzUp Festival con un cocktail-party augurale ed il concerto latin-jazz di CU – IT y Bra: Jacopo Bazzarri al vibrafono, Leonardo Radicchi, sax tenore, Ludovico Carmenati contrabbasso, Mauro Cimarra batteria. Il progetto nasce nell’estate 2009 dall’incontro del vibrafonista italo – ceco Jacopo Bazzarri ed il panderista percussionista brasiliano (di Curitiba) Vina Lacerda. Il nome CU –IT y BRA fa riferimento all’incontro di più culture musicali CUba – ITalia – y (e) BRAsile.

Media4tech di Claudio Palazzi

Filo rosso conduttore di questa quarta edizione l’incontro con il jazz da parte dei musicisti e delle arti. Grandi artisti di formazione pop e non solo come Gino Paoli e Antonella Ruggiero entrano in dialogo con la complessità, ironia e creatività musicale del jazz. Per magari raccontare in chiave diversa la memoria della musica da film. Fra gli altri appuntamenti in programma: una retrospettiva su Massimo Urbani, pensata per coniugare l’attenzione alle nuove generazioni e la memoria sui grandi nomi del jazz, protagonisti i vincitori del Premio internazionale dedicato al grande musicista romano, i Camilla Battaglia Quartett. Ma anche Greg Burk, pianista e compositore di Detroit che attualmente sta dicendo una parola piuttosto significativa nel panorama internazionale del jazz. La rassegna si concluderà con un incontro con un grande nome del cinema italiano: un percorso fra improvvisazione, memoria e suggestioni dal mondo della colonna sonora.

Il JazzUp si conferma così un festival internazionale divenuto con gli anni a tutti gli effetti un marchio di produzione di eventi aperti sul mondo della musica e della cultura internazionali: come a dire, una chiave per portare il mondo della grande musica jazz nelle nostre piazze, in mezzo alla gente. Ma anche per spalancare le porte delle nostre città a quel mondo che non aspetta altro che di farsi conoscere e di conoscere questo nostro Paese Italia.
Ricordiamo che la manifestazione, organizzata dall’Associazione Culturale Musica e Territorio, si svolge con il contributo della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo, del Comune di Viterbo e della Camera di Commercio di Viterbo. Si sono svolti appuntamenti nei comuni di Orte e Capranica: tutti comuni collegati all’insegna della cultura da un programma provinciale che vede Viterbo capofila. Protagonista del Festival l’area urbana di Santa Maria delle Fortezze: una scelta rilevatasi vincente che ha prodotto un nuova immagine nel modo di fare musica a Viterbo. Da non dimenticare che quasi tutti i concerti a Viterbo saranno gratuiti compresa la possibilità di visitare la mostra d’arte contemporanea ”Jazz&art” di O.Tsarkova & M.Chioccia, allestita alla Sala Gatti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.