Estrogenia

Media4tech di Claudio Palazzi

. generazione di estrogeni .

“Siamo cresciute a pane e sogni, quelli repressi di un femminismo che ha vissuto il suo apice negli anni settanta, ma che è morto ancora infante, e a guardar bene, non è stata neanche la prima volta.

Noi, generazione di estrogeni, […] continuamente battute dai nostri doveri di essere: madri, mogli, amanti, regine dei focolari, lavoratrici e carrieriste, angeli custodi e diavoli tentatori che passano l’aspirapolvere su tacco dodici e leggono nude riviste scientifiche, facendo contemporaneamente l’amore con uno yogurt mentre ascoltano in vivavoce  Freud e Jung che disquisiscono sulla schizofrenia o invidia del pene come mali prettamente femminili.

Eternamente in balia di un solitario gioco di ruolo.

Allora giochiamo. E giochiamo per vincere.”

La partita è aperta. Quattro artiste che non raccontano, bensì mostrano stralci e schegge dell’unico universo conosciuto – e mai del tutto esplorato – a forma di diamante. Punti di vista di “quel tutto” che la mente cerca fra le immagini contrassegnate con l’etichetta “Donna”.

Sabato 17 luglio, in  occasione della “Notte Sbianca” di Arcevia, a Palazzo Priori (sede del teatro) dalle ore 21:00 si “schiuderà” un angolo che di rosa vede tinti solo inutili modi di dire. Estrogenia trasfigurerà attori e spettatori: le immagini schiette di Alice Arisu Zanchi, la naturalità femminile denudata e cruda di Michela Baldi, le trappole di Valentina Crasto e la performance che coinvolgerà le visitatrici di Francesca Tilio, implicheranno la partecipazione “obbligata” delle coscienze.

Questo è il gioco: le regole dovrete capirle da voi. Sarete vincitori, o solo vinti illusi?

Arcevia (AN) – Palazzo dei Priori.

Inaugurazione 17 luglio 2010 ore 21:00

A cura di Laura Coppa

Artiste presenti: Michela Baldi, Valentina Crasto, Francesca Tilio, Alice Arisu Zanchi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.