A chiusura dell’anno dedicato a Sant’Ignazio di Loyola, l’opera di Gioachino Rossini rivive in un programma curato da Michele Campanella che, nel duplice ruolo di concertatore e primo pianoforte., propone al pubblico romano la “Petite Messe Solennelle”, scritta dal compositore pesarese a soli cinque anni dalla sua morte. Alla profondità artistica e alla reputazione internazionale del Maestro napoletano, si unisce una formazione ad hoc di eccellenti interpreti: dalla pianista Monica Leone, alle voci soliste selezionate dalla Puccini Festival Academy, al coro di grande valore, l’Ensemble Vocale di Napoli, diretto da Antonio Spagnolo. Il concerto, a ingresso libero, si terrà domani sera alle ore 21:00 nella splendida cornice della Chiesa Sant’Ignazio di Loyola, a Roma. La musica e il canto della “Piccola Messa”, alla vigilia della festa del Santo Fondatore, introducono nella solenne celebrazione che riunisce quanti hanno a cuore la spiritualità ignaziana.

Qui il pubblico potrà assistere all’incanto di quella che Rossini definì “l’ultimo peccato mortale della mia vecchiaia”, e che di fatto è uno dei suoi più grandi capolavori sebbene molto distante dalle sue opere più famose. La Petite Messe Solennelle è infatti il testamento musicale di Gioacchino Rossini, scritto dopo i decenni di silenzio seguiti alla composizione del Guglielmo Tell. I motivi di questo lungo vuoto creativo sono in un certo senso spiegati dal linguaggio della Messa, decisamente e polemicamente antiromantico. Il termine “petite” ha una duplice motivazione: l’organico ridotto a due pianoforti e harmonium e un coro di soli 16 cantori, ma anche l’atteggiamento del cristiano che si fa piccolo quando dedica la sua musica a Dio. Il Barbiere di Siviglia è lontano e Rossini utilizza per l’ultima volta gli antichi stilemi per un nuovo, commovente messaggio. Nell’autografo della partitura della Petite Messe Solennelle, Gioachino Rossini, annota: “Buon Dio, eccola terminata questa povera piccola messa. Ho composto della musica sacra (musique sacrée) o della ‘dannata musica’ (sacrée musique)? Ero nato per l’opera buffa, e Tu lo sai bene! Poca scienza, un po’ di cuore, e questo è tutto. Sii dunque benedetto e accordami il Paradiso!”.
L’iniziativa è realizzata con la Provincia Euro Mediterranea della Compagnia di Gesù.
Responsabile Padre Vincenzo D’Adamo sj, Rettore della Chiesa di Sant’Ignazio di Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.