Progetto sulla fotografia contemporanea a cura di Massimo Sordi e Stefania Rössl.

AUTORI: Melania Comoretto (ITA) Women in Prison | Christine Fenzl (GER) Street Football | Marcello Galvani (ITA) Fotografie | Verena Hanschke – Floriana Gavriel (GER) The Vidarbha Cotton Widows | Zoltán Jókay (GER) Portraits | Mårten Lange (SVE) Anomalies | Dana Lixenberg (NL) The Last Days of Shishmaref | Geoffroy Mathieu (FRA) Dos a La Mer | Rafal Milach – Andrzej Sidor (POL) Life After Death | Muge (CHINA) Go Home | Karin Apollonia Müller (GER) On Edge | Lydia Panas (USA) The Mark of Abel | Dorothée Smith (FRA) Löyly | Tomoyuki Sakaguchi (JAP) Home | Igor Starkov (RUS) Pure Vision | Amy Stein (USA) Domesticated | Donald Weber (CAN) Into the half-lifeChernobyl Stalker.

From True Stories è il sottotitolo della collettiva Global Photography.  Si tratta di un progetto espositivo ideato e proposto da Stefania Rössl e Massimo Sordi, una sorta di ampio osservatorio sulla scena fotografica internazionale che si è tradotto in una collettiva di autori provenienti da ogni parte del mondo. Nel 1986 David Byrne, storico leader dei Talking Heads dirige il film True Stories. Direttore della fotografia era il teorico del banale quotidiano, William Eggleston. La mostra collettiva Global Photography riprende il titolo e i temi del film di Byrne ed Eggleston, ossia il racconto per immagini di storie che si muovono sul limite della realtà e della finzione. Come spiegano i curatori nel testo introduttivo al catalogo: «questa non è una citazione casuale. Tutt’altro. E’ un riferimento che definisce lo spirito del progetto espositivo, in bilico tra storie vere e una visione di pura invenzione». In altre parole, storie vere o storie inventate, ma sempre tratte dal mondo reale. I curatori scrivono: «Di fronte alla proliferazione di immagini che costantemente ci vengono proposte come lettura dei principali fatti che accadono intorno a noi, questo progetto prende le mosse dalla consapevolezza che spesso gli insignificanti frammenti possiedono la capacità di rivelarci le esperienze più profonde». Le fotografie sono racconti ripresi dalla realtà, soprattutto da quei piccoli insignificanti dettagli che assumono nuovi e differenti significati a seconda del punto di vista. La mostra raccoglie diciotto autori che, con le loro immagini costruiscono percorsi culturali compositi. La dimensione intima del privato, così come la natura plurale della vita collettiva, realizzano un terreno comune, dove si confrontano, ciascuno attraverso una peculiare identità, i diversi immaginari fotografici presentati.

Accanto alla sezione fotografica Global Photography, la mostra propone Global in video, una proiezione di filmati e di slideshows che, utilizzando il linguaggio del video, amplia l’esposizione suggerendo un ulteriore approfondimento dei temi illustrati. Un progetto di grande valore, non ultimo per la possibilità di vedere lavori di autori certamente noti, ma ancora poco esposti in Italia.

Produzione: Savignano Immagini

Inaugurazione: SIFEST (www.sifest.eu) Festival di Fotografia di Savignano 10 settembre 2010

INFORMAZIONI TECNICHE:

Vernissage: venerdì 17 dicembre ore 18.00

Intervengono i curatori, Massimo Sordi e Stefania Rössl.

La mostra Global Photography “From True Stories” prosegue:

Dal 19 dicembre fino al 15 gennaio 2011

Giorni: Dal lunedì al venerdì

Orari: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.30

Presso:

Officine Fotografiche

Via G. Libetta, 1 00154 Roma

Metro B Garbatella

www.officinefotografiche.org

Annalisa Polli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.