IL PREMIO A GIPO FARASSINO


lo scrittore e cantautore piemontese vince con

Viaggiatori paganti:

storia di una vita dedicata alla musica


www.biellafestival.com

Gipo Farassino con “Viaggiatori paganti” (Edizioni Priuli & Verlucca) è il vincitore della 7a edizione del concorso letterario Biella Festival Premio “Un libro per lo spettacolo” promosso dall’Associazione Artistica Anniverdi in collaborazione con l’Associazione Editori del Biellese. Il Premio, sino allo scorso anno direttamente connesso a Biella Festival Autori e Cantautori dedicato alla canzone d’autore emergente, da quest’anno vive di vita propria anche in considerazione del grande successo di partecipazioni che hanno visto concorrere 78 autori appartenenti ad una cinquantina di case editrici italiane.
Il vincitore, nel corso di una serata caratterizzata anche dall’intervento musicale di Elyssa, terca classificata all’ultima edizione di Biella Festival Autori e Cantautori, ha letto alcuni brani del suo libro ed ha ricordato aneddoti divertenti o commoventi della sua movimentata esistenza. Il Biella Festival Premio “Un libro per lo spettacolo” è giunto alla 7a edizione, ha visto la partecipazione di 78 autori e 50 case editrici italiane.

LA GIURIA
La Giuria del concorso letterario Biella Festival Premio “Un libro per lo spettacolo” è presieduta da Alessandro Hellmann (cantautore, autore di testi teatrali, narratore e poeta) e ne fanno parte Fabrizio Lava (presidente Associazione Editori del Biellese), Grazia Paganelli (responsabile della programmazione del Museo del Cinema di Torino), Alessandro Sanna (ricercatore e studioso delegato da Associazione Artistica AnniVerdi), Anna Bruni (attrice e regista teatrale)

GIPO FARASSINO
Farassino è senza dubbio una delle figure più rilevanti della canzone d’autore italiana (oltre che un caposcuola della canzone torinese): interprete e autore di canzoni cantate lingua piemontese , ha anche scritto molte canzoni in lingua italiana, spesso venate di ironica e struggente malinconia e con musiche a volte legate alla tradizione francese, degne di figurare tra le migliori canzoni d’autore italiane (ricordiamo Avere un amico, Remo la barca o Ballata per un eroe). Nel repertorio in piemontese si è spesso avvicinato al cabaret e all’umorismo: nei suoi anni migliori, con le sue canzoni, ha cantato le miserie e le nobiltà della gente comune, le tribolazioni dei “travet” torinesi e gli amori beffardi o infelici da consumarsi nell atmosfera parigina e profondamente francese del capoluogo piemontese. Spesso Gipo ha inoltre portato alla ribalta composizioni di grandi poeti piemontesi come Nico Costa e Angelo Brofferio e la sua carriera vanta anche una prolifica attività come attore di prosa teatrale, sempre in lingua piemontese, iniziata nel 1970 con la compagnia fondata insieme a Massimo Scaglione . Attualmente Farassino sta lavorando alla preparazione di uno spettacolo intitolato “Stasseira” nel corso del quale riproporrà i brani salienti che hanno caratterizzato il suo percorso artistico.

IL PREMIO
Il concorso Biella Festival Premio “Un libro per lo spettacolo”, istituito nel 2004 quando ormai Biella Festival Autori e Cantautori contava la sesta edizione, è stato pensato e voluto da Giorgio Pezzana, che di Biella Festival è direttore artistico, con lo scopo di avvicinare il pubblico, attraverso la letteratura, al mondo dello spettacolo meno appariscente, più narrato che visto, in special modo da osservatori e testimoni capaci di cogliere storie di vita, aneddoti, attese, successi e delusioni vissuti dietro le quinte. Naturalmente la partecipazione è aperta a tutti i libri che parlino di spettacolo nelle sue varie espressioni: dalla musica al teatro, dal cinema alla danza, passando attraverso la radio e la televisione sino al circo. Ad organizzare è l’Assocazione Artistica AnniVerdi in collaborazione con l’Associazione Editori del Biellese.

L’ALBO D’ORO
Vincitori delle varie edizione del Premio “Un libro per lo spettacolo” sono stati Antonio Ghirelli (2004 con “Un secolo di risate” Avagliano Editore;  in quello stesso anno la Giuria aveva riservato anche una citazione per “Notre Dame de Paris” Edizioni Fiori di Campo di Monica Becco); Enzo Gentile (2005 con “Legati ad un granello di sabbia” Melampo Editore e citazione speciale per Carlo Dini autore di “Il capitano Carlo Bassi, gentiluomo dell’Ambrosio Film” edito da Angolo Manzoni); Luca Beatrice (2006 con “Zero” edito da Baldini Castoldi Dalai); Marco Bernardini (2007 con “Li abbiamo fatti cantare” Robin Edizioni); Isabella Maria Zoppi (2008 con “Il giorno che passa e consuma” edizioni Zona); Pippo Del Bono (2009 con “I racconti di giugno” edizioni Garzanti); Gipo Farassino (2010 con “Viaggiatori paganti” edizioni Priuli & Verlucca).




Ufficio Stampa: Studio alfa

tel. e fax 06. 8183579, e- mail: ufficiostampa@alfaprom.com
responsabile ufficio stampa e P.R. Lorenza Somogyi Bianchi, cell, 333.
4915100
addetto stampa Olivia Volterri, cell. 338 5690870

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.