Fire TV Stick 4K Ultra HD con telecomando vocale Alexa di ultima generazione | Lettore multimediale

Il libro di Qohelet, o Ecclesiaste, rappresenta una sfida sia per i lettori occasionali della Bibbia che per gli accademici. Il tema e il tono del libro sembrano infatti contraddittori al resto della Scrittura. In effetti, è uno dei pochi libri dell’Antico Testamento che la Chiesa primitiva ha rigettato, tanto da non volerlo includerlo inizialmente nella Bibbia. Qohelet, un libro biblico che attraversa il tempo e lo distrugge Direttore responsabile: Claudio Palazzi
Una delle più grandi domande che circondano l’Ecclesiaste riguarda la sua paternità. Chi lo ha scritto e cosa stava cercando di comunicarci?

Chi è Qohelet?

Il libro di Ecclesiaste è stato spesso evitato da persone che si sentono sopraffatte dalla visione della vita offerta nelle sue pagine. Come il libro di Giobbe, rifiuta di schivare le domande difficili della vita e non consente soluzioni facili. Gli interpreti del libro lottano con le questioni che solleva, portando alcuni a mettere in dubbio l’ortodossia dell’autore o se il libro appartenga al canone dell’Antico Testamento.

La saggezza di Ecclesiaste proviene da qualcuno che è identificato come “Qohelet“. Non è certo se questo sia un nome personale, una sorta di pseudonimo o l’appellativo di un gruppo di persone. A giudicare dal significato del verbo correlato, qahal, sembrerebbe che la parola significhi “assemblea”. Guido Ceronetti, importante studioso del testo ebraico, ha pubblicato un libro sul Qohelet dal sottotitolo “colui che prende la parola” (Adelphi 2001).

Qohelet è il re Salomone?

Tradizionalmente Qohelet è stato identificato come Salomone a causa delle informazioni fornite nei primi due versi del libro. Si sostiene che nessun altro fosse “figlio di Davide, re di Gerusalemme”. Tuttavia, si deve ammettere che la designazione “figlio di Davide” potrebbe essere usata per riferirsi a chiunque nella linea di Davide.

È anche sconcertante il motivo per cui Solomon si sarebbe nascosto dietro uno pseudonimo. Il sapore salomonico di sezioni come 2: 1–11 non lascia dubbi sul fatto che l’autore intendeva che il lettore pensasse alle esperienze del regno di Salomone.

Mi sono detto: “Vieni ora, ti metterò alla prova con il piacere per scoprire cosa è buono”. Ma anche questo si è rivelato privo di significato. “La risata”, ho detto, “è follia. E cosa fa il piacere? ” Ho provato a rallegrarmi con il vino e ad abbracciare la follia: la mia mente ancora mi guida con saggezza. Volevo vedere cosa era bene che le persone facessero sotto il cielo durante i pochi giorni della loro vita. Ho intrapreso grandi progetti: mi sono costruito case e ho piantato vigneti. Ho realizzato giardini e parchi e vi ho piantato tutti i tipi di alberi da frutto. Ho creato serbatoi per irrigare boschetti di alberi rigogliosi. Ho comprato schiavi maschi e femmine e avevo altri schiavi nati in casa mia. Inoltre possedevo più armenti e greggi di chiunque altro a Gerusalemme prima di me. Ho accumulato argento e oro per me e per il tesoro di re e province. Ho acquisito cantanti e cantanti, e anche un harem: le delizie del cuore di un uomo. Sono diventato di gran lunga più grande di chiunque altro a Gerusalemme prima di me. In tutto questo la mia saggezza è rimasta con me.

Non mi negavo nulla che i miei occhi desiderassero;

Non ho rifiutato al mio cuore alcun piacere.

Il mio cuore si dilettava in tutto il mio lavoro,

e questa era la ricompensa per tutto il mio lavoro.

Eppure, quando osservavo tutto quello che le mie mani avevano fatto

e quello che dovevo faticare per ottenere,

tutto era privo di significato, un rincorrere il vento;

niente è stato guadagnato sotto il sole. – Ecclesiaste 2: 1–11

L’affermazione in 1:16 e 2: 9 di aver superato tutti quelli che erano prima di lui a Gerusalemme significherebbe poco se suo padre fosse il suo unico predecessore. E la lingua del libro è diversa dagli altri scritti di Salomone. In conclusione, non è impossibile che Salomone fosse Qohelet, ma le prove del contrario sono sufficienti per metterlo in dubbio. Poiché la Scrittura tace sulla questione, non possiamo essere sicuri di identificare Qohelet.

Quando è stato scritto il Qohelet?

Alcuni studiosi hanno datato il libro al terzo o quarto secolo a.C., sostenendo che l’ebraico del libro ha caratteristiche dell’ebraico post-biblico e che c’è un’influenza visibile dalla filosofia greca. Questo punto di vista, sebbene popolare tra alcuni studiosi, deve trattare il libro come una finzione reale, un genere ben noto sia in Mesopotamia che in Egitto. La presenza di alcuni prestiti linguistici persiani e l’identificazione di una certa influenza aramaica sono stati utilizzati per rafforzare questa posizione.

Più comune tra gli interpreti conservatori è l’opinione che l’ebraico distintivo sia dialettico e quindi non possa dare molto aiuto nella datazione del libro. Coloro che non datano il libro al tempo di Salomone sono stati più propensi a collocarlo nell’VIII o VII secolo a.C., ma non si può essere più precisi di così. Fortunatamente, la natura senza tempo della saggezza del libro rende superfluo collegarlo a un periodo di tempo specifico.

A partire dalla metà del II secolo d.C., alcuni hanno messo in dubbio l’autorità del libro e quindi anche il suo status canonico. Le obiezioni iniziali della scuola rabbinica di Shammai e di altri sono citate nel Talmud ma non sono mai state sufficienti a causare seri dubbi.

Qual è il contesto di Ecclesiaste?

Come molti altri libri poetici, Ecclesiaste contiene una serie di generi letterari. Fa uso di allegorie, detti, metafore, proverbi e altre forme. Al di là delle identificazioni di genere, ci sono un certo numero di opere letterarie conosciute dal Vicino Oriente antico che affrontano situazioni in cui la saggezza convenzionale è vista come incompatibile con la realtà o l’esperienza. Certamente questo era il caso di Giobbe e delle sue antiche controparti del Vicino Oriente. Anche se questa letteratura non rifiuta la saggezza, mostra i suoi limiti e la sua insufficienza.

Nella letteratura mesopotamica un esempio potrebbe essere l’opera conosciuta come il dialogo del pessimismo. Questo è un pezzo piuttosto satirico in cui un uomo suggerisce varie linee di azione che vengono affermate dalle osservazioni in stile saggezza del suo schiavo. In ogni caso, l’uomo cambia idea e decide di non seguire la linea di condotta dichiarata. Allo stesso modo questa decisione viene confermata in ogni caso dallo schiavo con un’osservazione in stile saggezza. La conclusione che si potrebbe trarre è che i detti di saggezza possono essere usati per razionalizzare qualsiasi corso d’azione dato.

Nella letteratura egiziana c’è un pezzo in cui un uomo che pensa al suicidio discute varie frustrazioni della vita e il suo fallimento nel trovare soddisfazione. Sotto questo aspetto ha qualche somiglianza con l’Ecclesiaste. Allo stesso modo simili nel contenuto sono le canzoni di Harper, che incoraggiano a godersi la vita perché non si può sapere cosa verrà dopo. Questi, tuttavia, sembrano suggerire una vita di piacere che viene rifiutata da Qohelet.

La prospettiva alternativa di Qohelet

Una volta che Qohelet ha considerato le potenziali fonti di appagamento e le ha rifiutate, offre una prospettiva alternativa sulla vita. In 3: 1-15 consiglia una linea d’azione moderata:

C’è un tempo per tutto

e una stagione per ogni attività sotto il cielo:

un tempo per nascere e un tempo per morire,

un tempo per piantare e un tempo per sradicare,

un tempo per uccidere e un tempo per guarire,

un tempo un tempo per abbattere e un tempo per costruire,

un tempo per piangere e un tempo per ridere,

un tempo per piangere e un tempo per ballare,

un tempo per spargere pietre e un tempo per raccoglierle,

un tempo per abbracciare e un tempo per trattenersi dall’abbraccio,

un tempo per cercare e un tempo per rinunciare,

un tempo per conservare e un tempo per buttare via,

un tempo per strappare e un tempo per riparare,

un tempo per tacere e un tempo per parlare,

un tempo per amare e un tempo per odiare,

un tempo per la guerra e un tempo per la pace.

Cosa guadagnano i lavoratori dal loro lavoro? Ho visto il fardello che Dio ha posto sulla razza umana. Ha reso tutto bello a suo tempo. Ha anche posto l’eternità nel cuore dell’uomo; tuttavia, nessuno può capire ciò che Dio ha fatto dall’inizio alla fine. So che non c’è niente di meglio per le persone che essere felici e fare del bene mentre vivono. Affinché ognuno di loro possa mangiare e bere e trovare soddisfazione in tutta la propria fatica: questo è il dono di Dio. So che tutto ciò che Dio fa durerà per sempre; niente può essere aggiunto e niente può essere preso da esso. Dio lo fa in modo che le persone lo temano.

Tutto ciò che è, è già stato

e ciò che sarà è stato prima;

e Dio chiamerà il passato a render conto. – Ecclesiaste 3: 1–15

Sebbene nulla possa offrire appagamento, non è necessario adottare una visione pessimistica, cinica o fatalistica della vita. Goditi la vita per quello che è: un dono della mano di Dio. Se Dio è al centro della propria visione del mondo, le attività della vita possono essere messe al loro posto, non offrendo un significato alla vita, ma offrendo gioia.

Usando coppie di antitesi in 3: 1–8, Qohelet inizia a spiegare perché deve essere Dio al centro della nostra visione del mondo. Non abbiamo il controllo dei “tempi” della vita e molti di questi stessi tempi possono essere difficili. La stabilità può essere trovata solo in un approccio incentrato su Dio. Dio ci ha imposto queste limitazioni ma ha messo “l’eternità nei nostri cuori” in modo che potessimo cercarlo.

La soluzione di Qohelet porta all’ultima sezione del libro, dove lo scrittore offre linee guida per tracciare un corso attraverso la vita. Gran parte dei capitoli 8–9 riguarda l’adeguamento delle nostre aspettative su questo mondo. Ciò è seguito dagli avvertimenti nel capitolo 10 sul potere e gli effetti del comportamento sciocco. Il capitolo 11 sollecita un approccio alla vita cauto ma non eccessivamente e ci ricorda che siamo responsabili di come viviamo e delle decisioni che prendiamo. Infine, il capitolo 12 utilizza un flusso di immagini e allegorie diverse per incoraggiare il lettore ad agire ora, trasformando il nichilismo da passivo ad attivo.

In definitiva, Ecclesiaste è un libro su come ti fai strada nella vita. Abbiamo imparato a pensare nel nostro mondo che è tutto incentrato sulla ricerca della realizzazione. Ma l’autore di Ecclesiaste ha un messaggio potente per noi: l’adempimento è affare di Dio. Dobbiamo accettare ciò che Dio ci manda, sia benedizioni che avversità. Perché, in conclusione, i doni di cui godiamo non sono destinati a portarci appagamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.