ricatto-sesso-computer“Stai facendo un video? Bravoh.” Queste parole erano diventate un vero tormentone per il popolo del web. Avevano dato vita a parodie, caricature, scimmiottamenti. Ma ledevano nel profondo colei che le aveva pronunciate. Tiziana Cantone, finita nel mirino della rete, vittima di un vero e proprio linciaggio mediatico  come tante coetanee ma la sua storia ha avuto un epilogo tragico. Precipitata in un baratro dal quale era impossibile riemergere , si è impiccata con un foulard. La morte rappresentava l’unica via di fuga da quell’esistenza tragica e dal polverone mediatico scatenato dai suoi video a luci rosse. Il tribunale della vita non l’aveva assolta, giudicandola duramente. Lei si era solo macchiata della colpa di amare però scelse il modo sbagliato per farlo e la diffusione di materiale pornografico sul web contro la sua volontà l’aveva resa oggetto di scherno e derisione. Perché è a ciò che porta il più potente mezzo di comunicazione di cui disponiamo se non si usano le dovute contromisure: alla deriva. Questa macchina miete milioni di vittime ; spesso si rivela essere una trappola fatale. Quanti sono i casi di bullismo  nelle scuole filmati per causare un’umiliazione pubblica ai soggetti bersagliati? Quante volte  l’odio degli haters si  scatena nei vari post delle piattaforme sociali? O quante volte si può incappare in un brutto incontro? Dunque Internet è un mezzo controverso. La sua potenza è data dall’immediatezza  con cui è possibile reperire ogni tipo di informazione, dalla facilità con cui  chiunque può divulgare dei contenuti e la prima fonte di speculazione è proprio il sesso. La rete è infatti un vero e proprio mercato del sesso.

Siti per adulti, siti di pedo-pornografia, siti di incontri e sesso virtuale. Il  nuovo fenomeno sociale che caratterizza la nostra era è quello delle cosiddette chatroulette. Il giorno sono una piattaforma di scambio internazionale grazie al quale è possibile comunicare con dei perfetti sconosciuti dall’altra parte del mondo in maniera istantanea, sfuggendo così alla solitudine . La notte invece quelle videochat mostrano un’altra faccia, il lato proibito che la nostra coscienza non tollera: diventano teatro di incontri erotici. Basta un click per ottenere un partner o cambiarlo,  si consente l’accesso alla webcam e al microfono del proprio PC e il gioco è fatto. Così la rete diviene un mezzo per esibire il proprio corpo e il corpo diventa un oggetto da esposizione nella vetrina di un negozio. Quella vetrina è la webcam. Non importa chi ci sia dall’altra parte del monitor a scrutarci. L’importante è che qualcuno ci osservi in atti sessuali espliciti e  ciò costituisce la vera fonte di soddisfazione. L’onanismo virtuale diventa così una pratica diffusa , in special modo quello maschile e si vaga nella chat alla ricerca di una partner che possa perdersi a sua volta in atti proibiti, affidandosi alla casualità della piattaforma.  Proprio quest’ultima ne seleziona una tra i vari utenti collegati , come se fosse una roulette. Il tutto mentre si cerca di instaurare una conversazione, rigorosamente a tinte hot. Inutile parlare dei rischi a cui si possa andare incontro, dall’eventualità di essere filmati fino alla diffusione di materiale privato. Eppure passando da un partner ad un altro la situazione non cambia: che sia un ragazzo giovane o un uomo di mezza età,si incappa sempre nel pervertito di turno. In prevalenza si tratta di arabi ma è possibile reperire persone provenienti dalle nazionalità più disparate.  Gli utenti non hanno problemi a esibire il proprio volto anche se alcuni si nascondono, mostrando all’occhio della webcam soltanto le proprie nudità. Come in un gioco d’azzardo, solo che l’azzardo è dato dal proprio corpo. Un richiamo osé a cui le pulsioni non sanno resistere, fregandosene delle conseguenze.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.