Tutti pronti per le elezioni che si terranno il 26 e 27 maggio ma ancora c’è da convincere.

Dopo le primarie del centro sinistra, che hanno rivelato vincitore Ignazio Marino con il 50% di voti, staccando cosi Sassolino con il 24-28% , Gentiloni con l’8-12%, sarà lui a correre per il centro sinistra per la poltrona del Campidoglio. Dopo l’uscita dei risultati, Marino ha detto: “Da stasera lavoriamo per arrivare al governo della capitale. Libereremo il Campidoglio da un periodo oscuro, dal malaffare. A fine maggio festeggeremo in Campidoglio” aggiunge

“Grazie a tutti i romani che hanno trasformato questo esperimento di democrazia in una grande gioia. Ora dobbiamo liberare il Campidoglio da una politica oscura. Noi cambieremo tutto” Subito dopo arriveranno i complimenti con un tweet di Zingaretti e Bersani.

Proprio a porta a porta si sono dati filo da torcere i sui concorrenti Alemanno, ultimo sindaco in carica, e Marchini, volto nuovo della politica, imprenditore, sulla questione degli impianti di smaltimento dei rifiuti, viabilità urbana sul territorio di roma, e sulla crisi occupazionale.

È stato il primo confronto “dal vivo” che i due hanno avuto, infatti gli altri due protagonisti Marino e De vito, non hanno accettato l’invito del conduttore giustificandosi, de Vito “ il Movimento non ama questo genere di talk show politici “, mentre Marino “ ho preferito privilegiare altri impegni”.

Il vero scontro si è acceso quando è stato portato alla luce il problema che affligge maggiormente la città ovvero i rifiuti. Per questo l’imprenditore ha accusato Alemanno di tenere fermi due impianti, quelli a Rocca Cencia e Pomezia. Alemanno di tutta risposta ha negato quest’affermazione sottolineando che tutti gl’impianti a disposizione della città sono funzionanti e al massimo della loro capacità, e che sta cercando, dopo il forte monito di Goffredo Sottile, prefetto e commissario dell’emergenza rifiuti di roma, un’alternativa valida a i Monti dell’arcaccio.

La sfida rimarrà aperta fino a maggio, quando i cittadini andranno a votare e decideranno da chi essere rappresentati, per ora si fanno le promesse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.