Sono ormai certe le dimissioni di Renzi, e fra post commoventi sul  profilo ufficiale Facebook dell’ex premier, oggi ancora  Segretario del PD nonostante le sue parole: ” Se vince il No lascio/lasciamo non solo il governo, ma addirittura la politica e si torna a casa a fare dell’altro […] Non siamo attaccati alla poltrona io/ noi siamo diversi!”, e chi fa ancora i salti di gioia, il 13 Dicembre 2016 il governo Gentiloni (ex Ministro degli Esteri) ottiene la fiducia alla Camera dei Deputati con 368 voti favorevoli e 105 contrari. Il giorno seguente ottiene nuovamente la fiducia al Senato con 169 voti favorevoli e 99 contrari. La contrarietà dei vari partiti non esita a farsi viva: Lega Nord, M5S, Scelta Civica e ALA abbandonano l’aula subito dopo che il governo ha ottenuto la fiducia.

Ma facciamo un passo indietro e capiamo Gentiloni da dove è “saltato fuori”: dopo la vittoria del “no” al referendum del 4 Dicembre, Renzi annuncia le sue dimissioni. Dopo aver rifiutato più volte il volere del Presidente Mattarella, cioè di non dimettersi, Renzi rassegna ufficialmente le dimissioni. L’11 Dicembre 2016 Mattarella assegna a Paolo Gentiloni l’incarico di formare un nuovo governo. Il giorno seguente invia la lista dei ministri e giura. 

Si inizia da subito a puntare il dito: “È un governo fotocopia”, “Gentiloni sta mantenendo il posto caldo a Renzi per il futuro”. Insomma, il nuovo governo non sta avendo vita facile già dall’inizio, anche perché non può scrollarsi di dosso l’eredità del governo precedente.

Intanto a Bruxelles le opinioni sul nuovo Presidente sono ottime: “calmo, non batte i pugni sul tavolo”, la new entry almeno lì è apprezzata. Almeno lì, perché, come abbiamo detto, l’Italia si è divisa nuovamente. Alcuni chiedono di andare subito al voto senza aspettare la scadenza della legislatura, ovvero nel 2018. Quelli che auspicano intorno a fine Gennaio, subito dopo la sentenza della Consulta sull’Italicum attesa per il 24 Gennaio, chi a Giugno o Settembre (dopo la nuova legge elettorale), ma sono pochi coloro che vorrebbero aspettare Febbraio 2018.

Intanto sono stati ristabiliti i ruoli dei ministri, con alcune sorprese e con altri che sono stati bravi a tenersi la poltrona:

  • Maria Elena Boschi: segretaria del consiglio dei Ministri
  • Angelina Alfano: Affari esteri e cooperazione internazionale
  • Marco Minniti: Interno
  • Andrea Orlando: Giustizia
  • Roberta Pinotti: Difesa
  • Pier Carlo Padoan: Economia e finanze
  • Carlo Calenda: Sviluppo economico 
  • Graziano Delrio: Infrastrutture e trasporti
  • Maurizio Martina: Politiche agricole, forestali, alimentari 
  • Gian Luca Galletti: Ambiente e tutela del territorio e del mare 
  • Giuliano Poletti: Lavoro e politiche sociali
  • Valeria Fedeli: Istruzione, università e ricerca 
  • Dario Franceschini: Beni e attività culturali e turismo 
  • Beatrice Lorenzin: Salute

Sarà all’altezza Gentiloni, discendente di Vincenzo Ottorino Gentiloni, conte del Sacro Romano Impero e autore del “Patto Gentiloni”, che all’inizio del ‘900 permise il ritorno dei cattolici in politica e l’alleanza con i liberali di Giolitti, a riportare almeno un’imminente tranquillità e pace in Italia?

 

Valentina De Maio
Sono una ragazza di 21 anni, sono all'ultimo anno di "Lettere moderne" all'Università La Sapienza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.