Ora è battaglia aperta tra Google e privacy, chi la spunterà?

Bologna, milioni di fan in delirio per la nuova “tecnologia” targata Google, stiamo parlando dei Google Glass. Piccoli occhiali con un dispositivo a prisma che permetterà di far vedere ciò che vediamo noi, a chiunque sia in connessione con noi. Sembra direttamente uscito da un film di fantascienza.

Presentato in Canada è l’oggetto del momento più curioso. La maggior preoccupazione di tutti è  la privacy. Sarà visto come  la possibilità di compiere il nuovo peccato capitale dell’oversharing, cioè la condivisione eccessiva.

Siamo arrivati alla realizzazione della vita posta da Orwell nel suo libro “1984, Big Brother Is Watching You”?. Basta semplicemente una rete wi-fi, dimenticate il vostro telefono, pensa a tutto lui. Con un semplice gesto del dito sarete in grado di condividere, cercare strade, chiamare e fare ricerche, tutto questo con una risposta di 0.18 secondi.

Sono parecchi i dubbi che si sono sollevati da parte dello stesso Congresso Americano, il quale si è trovato a scrivere una lettere, non in forma privata, a Larry Page, patron dell’azienda di Mountain View, nella quale si vorrebbe conoscere i piani dell’azienda per prevenire che i Google Glass sottraggano informazioni riservate degli utenti senza regolare permesso. Antonello Soro, garante della privacy, parla così riguardo questa nuova invenzione – “Le nuove tecnologie sono state sempre connotate dal binomio “opportunità- rischi”, ma certo con i Google Glass i vantaggi in termini di utilità per la nostra vita quotidiana corrispondono a grandi rischi sul piano sociale e nei rapporti tra le persone – commenta -. Chiunque finisse nel raggio visivo di chi indossa questi occhiali potrebbe venire spiato, schedato con la propria immagine e, una volta avuto accesso ai big data sparsi sulla rete, conosciuto nei suoi gusti, nelle sue opinioni, nelle sue scelte di vita.

Finiremo davvero tutti su questa grande piattaforma sociale di condivisione forzata? Non siamo già troppo in “evidenza” con il resto del mondo?

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.