audreyAudrey Hepburn con la sua figura longilinea, l’ha consacrato come l’accessorio più trendy degli anni 60.Chi non ne desidera uno nella propria  vita? Parliamo del trench Burberry : un indumento che ha ispirato miti cinematografici,un must per le fashion victim, qualcosa che non passa mai di moda ed è sempre segno distintivo di classe ed eleganza.  Esso affonda le sue radici nell’abbigliamento militare:infatti questo impermeabile era destinato ai soldati e il suo nome “  trench coat” significa propriamente “cappotto da trincea”. Ma rimane un capo versatile e adatto a chiunque voglia aggiungere un tocco di stile al proprio look. Nel corso degli anni è stato soggetto a rivisitazioni e modifiche, tuttavia il tradizionale colore khaki, la gabardine, la cintura in vita e l’allacciatura a doppio petto sono gli ingredienti fondamentali di un abito che lasciatevelo dire, ha segnato la storia del cinema. Come dimenticare Holly Golightly in “Colazione da Tiffany” o l’ispettore Clouseau ne “La Pantera Rosa?”  Ma anche se tutti sogniamo di possederne uno, acquistare un trench Burberry significa spendere una cifra che va al di là dell’immaginabile, richiede insomma quello che potremmo guadagnare in un mese intero. Si spendono mediamente 1400 euro e questi costi esosi non lo rendono di certo alla portata della gente comune. Per cui se la vostra aspirazione è sentirvi come una star di Hollywood o vorreste provare l’ebbrezza di essere scambiati per uno 007 c’è un’alternativa: ricorrere a merce di seconda mano. Difficile trovare però un trench che ci calzi a pennello e magari si può incappare in modelli da uomo, sicuramente più commerciali ma che non rendono giustizia al corpo femminile. Nasce così sulla strada  un vero e proprio mercato della contraffazione, capace di ingannare anche l’occhio più critico. Infatti se credete di essere stati baciati dalla fortuna una tranquilla domenica mattina quando, passeggiando tra i mercatini di Porta Portese, l’occhio vi cade su innumerevoli trench Burberry, vi sbagliate di grosso. Non si tratta di trench di seconda mano al ragionevole costo di 80 euro come potrebbe assicurare il venditore ambulante  bensì di  merce tarocca e in effetti la presenza dei modelli più disparati dovrebbe già insospettire. Il problema di questi trench è l’assoluta fedeltà al modello originale ma non vale davvero la pena spendere così tanto per un oggetto  totalmente privo di valore. Attraversando tutto il mercato e osservando le altre bancarelle la situazione non varia: ci sono moltissimi trench esposti, di dubbia provenienza. Come si fa allora a distinguere un modello originale da uno contraffatto? Partendo proprio dall’elemento che caratterizza questo capo:la famosissima fodera tartan. Nelle versione originale è costituita da tre linee verticali e tre linee orizzontali che si intersecano con un’altra linea rossa come se fossero dei paralleli e dei meridiani.Inoltre questa fodera ha un colore più chiaro rispetto a quella delle versioni contraffatte.  Un altro indizio di qualità è dato dalle etichette Burberry  che sono rigorosamente blu mentre le etichette dei falsi sono più chiare.  Quindi quella che può sembrare un’occasione da non perdere ad un’analisi più attenta risulta essere una vera e propria truffa . E Porta Portese è solo l’emblema di questo mercato del falso che danneggia sia noi, sia le grandi case di moda. Non possiamo impedire che questo avvenga ma se impariamo a riconoscere un prodotto originale da un falso il nostro portafoglio ci ringrazierà sicuramente. Magari il trench rimarrà solo un sogno da ammirare sulle passerelle o sulle patinate riviste di moda ma impareremo che non è tutto oro quello che luccica.

Selene Bruni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.