La più bella sei tu” è il titolo del concorso messo in atto da Legambiente che ha permesso, attraverso segnalazioni di internauti e valutazioni ambientali, di stilare una classifica delle diciassette spiagge più belle d’Italia del 2013.

Sul sito www.legambiente.it, infatti, e sulla pagina facebook dell’associazione è stato possibile per circa due mesi dare il proprio contributo al concorso attraverso una velocissima votazione; Legambiente ha poi selezionato, attraverso il parere di esperti, i dati raccolti con quelli della Guida Blu 2013, arrivando così a stilare una graduatoria.

A vincere il concorso è stata la Cala Bianca (SA) nel parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, definita “un paradiso terrestre” con la sua bellissima spiaggia di sabbia bianca circondata dalla vegetazione selvaggia del Cilento.

Assieme a quest’ultima sono state scelte altre 16 località identificate come “perle balneari”; tra queste possiamo menzionare la spiaggia di Rovaglioso, a Palmi, in Calabria che unisce paesaggio incontaminato, cultura antica del luogo, storia e legalità.

Sentiero
Sentiero (Foto Ilaria Forte)

Un posto interamente immerso nella natura. Così appare Rovaglioso per chi lo visita la prima volta. Il tocco dell’uomo sul territorio in questione è minimo e dimostra l’intenzione di valorizzare e preservare l’aspetto naturale: alberi, cespugli curati, cassonetti in legno per la raccolta differenziata, piccolo parco giochi per i bambini ed una sorta di balcone per ammirare la vista panoramica sul mare. 

Cassonetti e raccolta differenziata (Foto Ilaria Forte)
Cassonetti e raccolta differenziata
(Foto Ilaria Forte)

Rovaglioso è il fiore della splendida Costa Viola, una caletta naturale delimitata a nord ed a sud da scogliere e anfratti che si apre al termine di un costone a picco sul mare, coperto di zagare e fichi d’india. 

Per raggiungere la scogliera è necessario intraprendere il percorso sulla sinistra, un sentiero che è stato recentemente ripristinato e che attraversa gli uliveti secolari e i vitigni posti più a monte. 

Questo luogo stupendo prende il nome (Porto Oreste) da Oreste, figlio di Clitennestra e Agamennone, che si rifugiò a Rovaglioso per guarire dopo aver ucciso la madre.

Il colore del mare, una volta raggiunto, è di un blu intenso e le correnti coprono e scoprono in continuazione gli scogli; ciò che più colpisce subito il visitatore è la presenza di un numero notevole di meduse e l’assenza di rumori artificiali. 

Panoramica (Foto Ilaria Forte)
Panoramica
(Foto Ilaria Forte)

 

Ma quello di Rovaglioso è anche un presidio di legalità. Gli uliveti sovrastanti sono stati sequestrati alla potente cosca dei Mammoliti di Castellace di Oppido Mamertina, che se ne era impossessata a danno della famiglia Cordopatri.

A vigilare sulla caletta sono i ragazzi del “Presidio di volontari di Rovaglioso”, che si dedicano alla sensibilizzazione, ad eseguire diversi lavori di miglioria come l’affaccio sul “Bagno delle Femmine” o dei terrazzi in pietra. E’ grazie a loro che questo luogo, mix tra storia mito e bellezza, ha ritrovato il suo antico fascino stimolando l’iniziativa delle Istituzioni che hanno cominciato anch’esse ad interessarsi al luogo.

Scogliera Rovaglioso
Scogliera Rovaglioso (Foto Ilaria Forte)

Ovviamente la lista di Legambiente racchiude spiagge conosciute quanto altre da scoprire; ognuna ha una propria particolarità ma tutte hanno la peculiarità di aver conservato la loro naturale bellezza, la qualità paesaggistica che scaturisce da una tutela dell’ambiente e da una lunga conservazione.

Gli amministratori delle località comprendenti le spiagge saranno premiati con lo speciale vessillo del “La più bella sei tu” il 17 agosto prossimo nell’ambito della 25esima edizione di Festambiente, il festival nazionale di ecologia, solidarietà e bellezza di Legambiente che si tiene a Rispescia (Gr) dal 9 al 18 agosto.

Cala Rovaglioso
Cala Rovaglioso (Foto Ilaria Forte)

La premiazione è volta a sottolineare e valorizzare la capacità dimostrata dagli amministratori di queste località che hanno saputo mantenere un buon equilibrio tra fruizione e conservazione del territorio. 

 

LA PIU’ BELLA SEI TU – LE 17 SPIAGGE PIU’ BELLE D’ITALIA

CALA BIANCA –Camerota – Salerno – CAMPANIA (1° la più votata del web)

SPIAGGIA DEI CONIGLI – Isola di Lampedusa – Agrigento – SICILIA (Menzione speciale)

SCALA DEI TURCHI – Realmonte – Agrigento – SICILIA

CALA ROSSA – Favignana – Trapani – SICILIA

CALA delle CALDANE – Isola del giglio – Grosseto –  TOSCANA

CALA di FORNO – Magliano in Toscana – Grosseto – TOSCANA

CALA VIOLINA – Scarlino – Grosseto – TOSCANA

PUNTA PIZZO – Gallipoli – Lecce – PUGLIA

CAMPOMARINO – Maruggio – Taranto – PUGLIA

CALA MATANO – Isole Tremiti – San Domino – PUGLIA

CALA GOLORITZE – Baunei – Ogliastra – SARDEGNA

SU GIUDEU – Domus de Maria – Cagliari – SARDEGNA

CAPO COMINO – Siniscola – Nuoro – SARDEGNA

ROVAGLIOSO – Palmi – Reggio Calabria – CALABRIA

CHIAIA DI LUNA – Ponza – Roma – LAZIO

BAIA DEI SARACENI – Finale Ligure – LIGURIA

DUE SORELLE – Sirolo – Ancona – MARCHE

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.