Migliaia di manifestanti indigeni si sono riuniti lo scorso lunedì a Bogotà davanti al palazzo presidenziale per chiedere un incontro pubblico con il presidente colombiano Ivan Duque. I manifestanti, in numero di almeno 7.000, tra cui molti indigeni, sono arrivati ​​nella capitale e molti hanno viaggiato per più di una settimana dalle loro regioni d’origine, principalmente nel sud-ovest del Paese. La colonna di autobus colorati e camioncini si chiamava “minga” – un termine indigeno che si riferisce al lavoro o all’azione della comunità comune. I manifestanti volevano avere una discussione con il presidente sulla crescente violenza in alcune parti del paese, esplosa dopo l’accordo di pace del 2016 con il gruppo ribelle delle forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC).I colombiani indigeni marciano su Bogotà per chiedere udienza al presidente Ivan DuqueDirettore responsabile: Claudio Palazzi
I manifestanti hanno affermato che una scarsa attuazione di parti dell’accordo ha lasciato spazio a gruppi violenti rivali per rivendicare rivendicazioni sulle rotte della droga e sulle aree precedentemente sotto il controllo delle FARC. I leader della protesta hanno affermato che almeno 167 delle loro persone sono state uccise nei due anni in cui Duque è stato in carica. L’Indepaz ha affermato che circa 1.000 leader e attivisti della società civile sono stati uccisi dalla firma dell’accordo di pace con le FARC.

Hanno anche denunciato oltre 65 massacri – comprendenti l’uccisione di almeno tre persone – nel solo 2020. “I nostri territori e le nostre comunità non ce la fanno più, stiamo assistendo a costanti massacri, i gruppi armati ci stanno sempre addosso”, ha detto una giovane donna ai media locali. L’accordo di pace del 2016 prevedeva migliori infrastrutture e aiuti alle comunità rurali, comprese quelle indigene, ma i manifestanti affermano che questi non sono stati rispettati. Avevano sperato di organizzare un dibattito pubblico con il presidente Duque sulle politiche economiche e sociali del suo governo. “Saremo qui finché non si presenterà, perché vogliamo il dialogo. Non siamo venuti qui per combattere”, ha detto Richard Flores, un leader indigeno dello stato del Cauca.

Media4tech di Claudio Palazzi

Duque ha rifiutato di incontrare i manifestanti, dicendo che la politica dovrebbe essere discussa attraverso i canali corretti, vale a dire in Parlamento. Tuttavia, ha suggerito di incontrare un piccolo gruppo di leader dei vari gruppi che hanno preso parte alle proteste.

I sindacati e i gruppi studenteschi hanno anche chiesto uno “sciopero nazionale” mercoledì, come rifiuto dell’amministrazione Duque, quasi un anno dopo che le proteste di massa antigovernative hanno scosso il paese. Lunedì i manifestanti itineranti hanno potuto trascorrere la notte in un centro sportivo, messo a disposizione dal sindaco di Bogotà, Claudia Lopez, che si oppone al governo di Duque.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.