Quanto non sappiamo,

chi sei, chi sono,

cosa accadrà, cosa è accaduto,

in me, in te,

quanto non ci è

dato sapere.

 

Quanto non sappiamo

di quella panchina

e di chi ha visto il lago

un’ultima volta ancora

per tornarci poi più alto,

con in tasca un pò di anni

e un pensiero più maturo.

 

Quanto non sappiamo

dei baci e le ambizioni

di chi prende quel metrò

e la notte non spaventa

solamente chi non pensa.

 

Quanto non sappiamo

degli occhi di un bambino,

e degli occhi di un bambino

che fu,

e ora non più.

 

Ingenui esseri umani,

questa sete di sapere,

io lo so, io lo so,

sai una piccola foglina,

di un autunno

giù in metrò.

 

Martina Neri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.